Milano e Roma: i residenti stranieri nei quartieri delle due città

Sono oltre 5 milioni i residenti stranieri in Italia, e rappresentano l'8,7% di tutta la popolazione residente del nostro Paese. Di questi il 23% provengono dalla Romania, seguiti da Albania e Marocco, mentre se si guarda alla distribuzione territoriale il 22% dei cittadini stranieri in Italia risiede in Lombardia e il 13% nel Lazio.

In pratica un residente su 11 in Italia è straniero, e uno su 3 di questi vive tra Lombardia e Lazio. Se poi si punta la lente di ingrandimento sulle due principali città di Lombardia e Lazio, ovvero su Milano e Roma che sono anche le più grandi ed economicamente importanti città italiane, si osserva come in generale l'Asia si attesta come l'area geografica di provenienza della maggior parte degli stranieri che vivono nelle aree più prestigiosi di Roma e Milano.

Milano residenti stranieri - Santandrea Luxury Houses

A Milano per esempio ci sono oltre 260mila residenti stranieri, in pratica il 19%, o 1 su 5, del 1.368.590 di persone che risiedono in città. Se si considera che a fine anni Ottanta erano meno di 40.000 si capisce come ci sia stato un incremento di oltre il 550% che ha portato Milano a essere la città più multietica e multiculturale d'Italia.

Ma quali sono le quote di stranieri per zona e quali le provenienze? Il 36,4%, quindi più di 1 su 3, viene dall'Asia, considerando che cinesi e filippini sono già alla terza generazione e i residenti dallo Sri Lanka si avviano alla seconda. Il 24% proviene poi dall’Africa e il 21 per cento dall’Europa mentre il 18% di Sudamericani rappresenta il esattamente il doppio della loro presenza a inizio anni Duemila. Se la distribuzione degli stranieri a Milano è disomogenea rispetto al territorio con alcuni quartieri che hanno più di 1 abitante su 3 straniero (Farini, Loreto, Dergano e Scalo Romana) e altre meno di 1 su 10 (Tortona, Pagano, XXII Marzo, Washington e Portello) è invece curioso scoprire come gli stranieri si collochino nei quartieri in base alla provenienza: Piazza Selinunte è la preferita dagli abitanti di origine africana, Farini dagli asiatici, Loreto dai sudamericani, mentre i cittadini dell’Unione europea puntano a City Life e gli statunitensi in Duomo, Magenta e Brera: proprio gli europei e gli americani scelgono le zone più esclusive, acquistando o affittando in centro, al Portello e a Porta Nuova, attiggendo dal mercato di fascia alta e altissima.

Srastevere residenti stranieri - Santandrea Luxury Houses

A Roma, considerando solo i residenti all'interno del GRA e non il complessivo di Roma Capitale, la città metropolitana che ora comprende anche l'ex provincia di Roma, i residenti stranieri rappresentano il 16,5% del milione e 700mila abitanti della Capitale. Una percentuale stabile nel tempo, invariata rispetto al 2009, e che però cela al suo interno profonde differenze dal punto di vista della distribuzione nei quartieri. In alcune zone di Roma gli stranieri rappresentano 1 residente su 3 o anche più (Torre Spaccata, Esquilino e Grottarossa) mentre in altre si scende a meno di 1 su 10 (Ardeatino, Don Bosco, Collatino, Castel Giubileo, Val Melania) o addirittura 1 su 10 (Torrino, dove la percentuale di stranieri è al 5%). A Roma il maggior numero di residenti stranieri proviene dall'Asia (39% di tutti gli stranieri residenti) seguito da Europei (36%, di cui 10% extracomunitari), Africani (13%) e America Latina (9%). A Roma gli asiatici s trovano per lo più a Esquilino (il 20% dei residenti è asiatico), Trastevere è il più multietnico mentre gli statunitensi prediligono le zone centrali più care come Trevi e Trastevere.

Roma residenti stranieri - Santandrea Luxury Houses