Home Page

Santandrea Luxury Houses

Apri menu
Torna alle news Alla scoperta del G Train: progetto e prezzo del treno futuristico Alla scoperta del G Train: progetto e prezzo del treno futuristico

Alla scoperta del G Train: progetto e prezzo del treno futuristico

Il G Train è l’esclusivo treno futuristico di lusso progettato dal designer Thierry Gaugain per rivoluzionare il modo di viaggiare del futuro: scopriamo le caratteristiche di questo treno super tecnologico e quanto costerà.

01/04/2022

Il G Train è l’esclusivo treno futuristico di lusso progettato dal designer Thierry Gaugain, che ha pensato a materiali e specifiche tecniche davvero incredibili per realizzare un gioiello su rotaie che mira a rivoluzionare il modo di viaggiare del futuro: scopriamo le caratteristiche di questo treno super tecnologico e quanto costerà.

INDICE:

Progetto G Train: il treno futuristico di lusso

G Train: il progetto del treno di lusso - Santandrea Luxury Houses Potrà sembrare paradossale, ma il futuro della mobilità di lusso potrebbe essere affidato ad uno dei mezzi di trasporto a motore più antichi: il treno. Ovviamente non stiamo parlando di un normale treno, ma del G Train, battezzato così dal suo creatore, il designer Thierry Gaugain, già noto per aver collaborato con Philippe Starck alla realizzazione di incredibili yacht come il Venus, appartenuto al compianto Steve Jobs. A proposito di yacht, per chi fosse interessato all’argomento, suggeriamo il nostro articolo sugli yacht elettrici di lusso. Ma torniamo al G Train. Il progetto di questo treno futuristico smart è stato presentato su Robb Report, magazine dedicato ai mezzi di trasporto di super lusso, insieme appunto al probabile nome del treno. Il pre-sviluppo del progetto G Train, in realtà, è partito da più di quattro anni e vanta ingegneri e architetti tra i migliori al mondo, oltre a partner che giocano il ruolo di leader nel proprio settore: Stadler come costruttore di treni, Saint-Gobain come fornitore del vetro, lo studio di ingegneria strutturale Eckersley O'Callaghan, Vision System per l'integrazione tra sistemi digitali e vetro, Marine Guard per la sicurezza e DWH per la realizzazione degli incredibili interni di lusso.

Come avrete notato, abbiamo già citato più volte il vetro, e non a caso. Infatti il progetto G Train prevede che questo treno di lusso sia lungo quasi 400 metri, ma soprattutto sia rivestito esternamente da 3.500 metri quadrati di vetro tecnico smart di ultima generazione, con una innovativa tecnologia che permetterà al rivestimento esterno di trasformarsi da trasparente a opaca e anche diventare color oro o nera, per poi illuminarsi di notte e brillare nel buio. Insomma, un vero e proprio gioiello di tecnologia ed eleganza, che ricorda un altro treno, l’Orient Express, del quale abbiamo scritto in riferimento al progetto “La Dolce Vita”. A differenza dell’Orient Express, però, il G-Train riuscirà a raggiungere velocità più elevate che, nonostante la sua lunghezza, dovrebbero toccare i 160 chilometri orari, grazie a quattro locomotive su misura in grado di adattarsi sia alle ferrovie americane che europee ed asiatiche. Insomma, un gioiello su rotaie ideale per fare un vero e proprio giro del mondo.

Gli incredibili interni del G Train

G Train: gli interni lussuosi - Santandrea Luxury Houses Passando dalle specifiche tecniche del G Train agli interni di questo futuristico treno di lusso, possiamo dire che le 14 carrozze che lo compongono trasporteranno i viaggiatori in una realtà parallela. Sì, perché sarà possibile modificare gli ambienti interni premendo un semplice pulsante. Qualche esempio? In caso di pioggia all’esterno, sarà possibile farsi circondare da un paesaggio marino soleggiato o da un bosco in piena primavera. Una possibilità che può inoltre variare da carrozza a carrozza, creando un’atmosfera completamente personalizzabile. Ma non finisce qui.

Ovviamente anche gli interni del G Train sono straordinari e super accessoriati, dato che prevedono tutto ciò che serve per garantire il massimo comfort e relax: spa, palestra, suite personalizzate, sale dedicate a proiezioni e spettacoli dal vivo, oltre a una “carrozza-garage” dove stivare moto e supercar dei passeggeri, che potranno così spostarsi come preferiscono durante le soste del G Train. Ecco perché lo stesso designer di questo incredibile treno, Thierry Gaugain, lo ha definito “un palazzo su rotaie”.

Quanto costerà acquistare il G Train?

Se il G Train è pensato per essere un palazzo su rotaie, c’è da specificare che questo futuristico treno di superlusso è stato pensato per essere un mezzo privato, ovvero per essere venduto ad unico proprietario. Ovvero di “qualcuno che sia consapevole dell'unicità di questo treno e capisca che non stiamo parlando solo di trasporto”, per utilizzare le parole dello stesso Gauguin. Ed è del tutto comprensibile, visto anche che questo incredibile mezzo di trasporto non sarà certo alla portata di tutti. E veniamo dunque alla domanda che tutti vi starete facendo: una volta realizzato questo ambizioso progetto, quando costerà il G Train? Circa 350 milioni di euro. Ovviamente il prezzo del G Train è ancora tutto da scoprire, ma il costo preventivato è appunto di qualche centinaio di milioni di euro.

Una cifra davvero per pochi. Fortunatamente chi acquisterà questo treno futuristico di lusso non dovrà viaggiare da solo, dato che il G Train può ospitare fino a 18 passeggeri per la notte ed è suddiviso in due parti, una riservata al proprietario e all’intrattenimento e l'altra per gli ospiti e per l'equipaggio. In generale, sono previste una suite più grande, altre tre suite più piccole, un salone per gli ospiti, terrazze all'aperto (ottenute dal ripiegamento delle ali) e addirittura un giardino in cui rilassarsi. L’ultima chicca? Il G Train è stato progettato per offrire anche la possibilità di separarsi in due, nel caso in cui i passeggeri volessero dirigersi verso destinazioni diverse. Ma certamente il G Train riserverà altre sorprese in fase di realizzazione e rappresenterà un vero e proprio castello principesco su rotaie. Ed ecco giustificato il prezzo di 350 milioni di euro.



Condividi l'articolo

Altri articoli